Notizie di Attualità, Cronaca, Sport, Eventi, Spettacoli e informazioni utili sul Comune di Pineto (Teramo - Abruzzo)

25 luglio 2020

Pineto, Cinema, la proiezione di “Torna a casa, Jimi!” ci sarà domani 26 luglio

A causa del maltempo la proiezione del film "Torna a casa, Jimi!" di
Marios Piperides in programma ieri sera al Parco della Pace di Pineto
è stata rinviata a domani, domenica 26 luglio 2020 alle ore 21:15. Le
richieste di prenotazione effettuate su www.visitpineto.it per ieri
sera sono automaticamente valide anche per domani. Il film rientra nel
cartellone di eventi "Pineto Cinema" costituito da sette film
attentamente selezionati proiettati ogni venerdì all'arena Parco della
Pace.

Protagonista del film è Yannis, un musicista che vive a Nicosia, ma
progetta di trasferirsi in Olanda per dare una svolta alla sua vita.
Sempre in mora con l'affitto e inseguito da creditori poco
raccomandabili, si lascia sfuggire il cane Jimi (che si chiama così in
onore del chitarrista rock Hendrix), ultimo legame con Kika, la bella
ragazza che lo ha lasciato per la sua inconcludenza. Il cagnolino
correndo sconfina oltre le barriere che dividono la città e da qui
iniziano i guai per riportarlo indietro. Ostacolato da una burocrazia
cieca, per riaverlo Yannis sarà costretto a coinvolgere nella vicenda
Hasan, un colono turco che vive nella parte occupata dell'isola,
Tuberk un contrabbandiere pasticcione e la sua ex fidanzata Kika. Alla
fine tutto sembra naufragare, ma come dice il titolo di un libro sui
migliori amici dell'uomo "i cani lo sanno". Ci sono tanti modi per
raccontare al cinema la tragedia dei muri, delle guerre e dei popoli
divisi, "Torna a casa, Jimi!" sceglie di farlo con la forma
dell'avventura picaresca acuta e simbolica come certe commedie
classiche che, grazie al pretesto della ricerca di un cane, finalmente
libero di scorrazzare al di là degli assurdi confini costruiti
dall'uomo, rende evidente, in modo comico e delicato, i paradossi di
una situazione grottesca che aggrava i problemi di convivenza anziché
risolverli. Il regista esordiente Marios Piperides, che è nato proprio
a Nicosia nel 1975, rinfresca la memoria dei fatti storici accaduti
attraverso il flusso di notizie della tv o della radio sullo sfondo,
per spiegare il senso di spaesamento e il sentimento di delusione dei
personaggi che, nonostante le divisioni, finiscono per rispecchiarsi
l'uno nell'altro.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

Archivio